Risultati visibili in palestra: cosa serve davvero?

Come perdere 10 Kg e ottenere un corpo tornito senza rinunciare alla pizza


Cosa serve davvero per ottenere risultati visibili in palestra e perché fare esercizio fisico e mangiare senza eccessi è insufficiente?

(Tutto il percorso è stato fatto a distanza, con incontri in videochiamata e allenamento in casa.)

C. ha due particolarità rispetto alla maggior parte delle persone che seguo: non è ancora over40 e quando abbiamo iniziato a lavorare insieme la sua composizione corporea era normale, con un peso di 58 kg per 158 cm di altezza e circa il 25% di massa grassa.
Tuttavia aveva un obiettivo estetico: tornare a “riconoscersi”, perché nell’ultimo anno era ingrassata di 10 chili, in seguito a diete estreme “fai da te” e al cambio di lavoro, da dinamico a completamente sedentario.

Mai risultati visibili con corsi di gruppo e tapis roulant

Da tempo frequentava regolarmente corsi di gruppo e correva sul tapis roulant. Eppure non otteneva risultati visibili in palestra.

“Prima di conoscere Silvia, ho sprecato un sacco di tempo: un anno di palestra e risultati inesistenti”

Prima e dopo da dietro
A sinistra i risultati di un anno di corsi di gruppo e tapis roulant, a destra un anno di allenamento con i pesi

Aveva anche seguito qualche dieta fai-da-te senza risultati soddisfacenti ed ero seriamente preoccupata che questi approcci estremi avessero creato gravi adattamenti nel suo corpo e che sarebbe stato molto difficile ripararli.

Il nostro primo obiettivo era perdere circa 3 kg e soprattutto vedersi meno “gonfia”.

I primi risultati visibili arrivano migliorando l’alimentazione

Abbiamo dapprima ripulito l’alimentazione da diversi piatti pronti, molto comodi ma poco nutrienti, con eccesso di sale e zuccheri aggiunti, arricchendola di proteine e carboidrati complessi.

In un secondo momento abbiamo provato con il conteggio dei macronutrienti seguendo l’approccio dell’alimentazione flessibile: in questo modo riusciva a perdere gradualmente massa grassa senza compromettere la massa magra e senza rinunciare a qualche sfizio come la pizza e la birra del sabato sera.

Abbiamo iniziato un vero percorso di forza/ipertrofia e sono arrivati subito i risultati visibili dell’allenamento.
Togliendo tanto “volume spazzatura” che sfianca il corpo senza però stimolare adeguatamente i muscoli, abbiamo iniziato un serio e graduale allenamento di muscolazione.

3 mesi di allenamento con i pesi e coaching nutrizionale: ecco i risultati

Dopo 3 mesi aveva perso più di 5 kg, raggiungendo i 52,8 kg, e si sentiva molto più soddisfatta della sua figura
Ma si sa…l’appetito vien mangiando!

Il peso cala e le forme si definiscono ma restano tanti dubbi.
Innanzitutto la velocità del dimagrimento: C. aveva pochi kg da perdere e l’approccio doveva essere graduale per continuare ad avere risultati visibili perdendo grasso e migliorando la muscolatura.
Inoltre, per mantenere alta la motivazione e non fissarci sul numero mostrato dalla bilancia ci siamo affidate principalmente alle foto e a un grafico che mostrava il trend mensile del peso, così da non “spaventarci” per i normali stalli.

“Non mi ero resa conto di avere un obiettivo così ambizioso!”

Prima e dopo dal davanti
Se vuoi ridurre la massa grassa per fini estetici, una dieta personalizzata può fare la differenza
Dettaglio degli addominali
Quando il grasso addominale si riduce, si vedono anche gli addominali!

Inoltre abbiamo cercato di creare il deficit calorico necessario con l’attività fisica (nonostante il lock-down!) piuttosto che con la dieta così da non soffrire la fame ed evitare adattamenti metabolici che avrebbero bloccato i progressi.

Ma soprattutto avevamo diverse paure da affrontare.

“Imparare a mangiare bene è difficile: ho paura di mollare, di rovinare il metabolismo”

Il ruolo della nutrizionista

Abbiamo deciso di farci aiutare da una nutrizionista del team Nutrition Specialist1, Stella Pollini.

Con una dieta ipocalorica in stile mediterranea (quindi con alti carboidrati) il dimagrimento continua ma soprattutto C. ha meno dubbi e vince pian piano la “paura dei carboidrati”.

Lato allenamento, diventa sempre più forte, anche con la parte superiore, il cruccio di tante ragazze, arrivando in poco tempo a fare versioni avanzate dei piegamenti sulle braccia, esercizio fondamentale per avere braccia toniche e scolpite.

Arriva l’estate e rimangono da affrontare altri dubbi.

“Magari non ho una genetica fortunata.

Ho paura di ingrassare quando dovrò fermarmi per cause di forza maggiore!

E come farò con le grigliate a casa dei parenti in vacanza?”

Per ogni dubbio c’è una risposta razionale.
Ma soprattutto ogni volta che nascono questi pensieri cerchiamo di indagare:

“E se volessi un fisico da fitness model?”

Arriviamo all’autunno e comincia a germogliare l’ambizione di un corpo da fitness model, quindi un obiettivo prettamente estetico e assolutamente legittimo in una giovane donna che si è appassionata all’allenamento e comincia a credere nelle proprie possibilità,

Tuttavia la priorità resta la salute e la serenità mentale.

10 kg persi e addominali in vista, ma la salute mentale è la priorità

Con l’aiuto della nutrizionista i progressi continuano (a gennaio 2020 siamo a 48kg e 19% di massa grassa) e lo straordinario fisico di C. le permette di mantenere buoni volumi e intensità di allenamento, lato coaching ci focalizziamo sul mantenere alta la stima per sé a prescindere dai risultati estetici.

Analizziamo anche i “body check” e le variazioni di peso in un’ottica che valorizzi innanzitutto l’impegno, i progressi atletici e la flessibilità mentale.

Prima e dopo di fianco

E i risultati estetici? Arrivano di conseguenza, come si vede dalle foto, ma sempre nel rispetto della persona nella sua totalità.

Questa è la storia del nostro primo anno insieme e ne avremo almeno un altro con tante nuove sfide e tanta curiosità verso gli “assi nella manica” di questa mini-grande atleta!

Riferimenti:

1-https://www.nutritionspecialist.it/